Pensieri distorti

Notte

Ieri ho sentito la necessità di uscire a guardare la notte.

Mi sentivo depressa. La notte mi ha ascoltata.
Il suo abbraccio caldo e silenzioso mi ha nutrita.

Potrai un giorno anche tu comprendermi senza chiedere niente?
Potrai amarmi incondizionatamente? La notte lo fa.

Ho chiuso gli occhi per un attimo e la notte mi ha portata in una città lontana. Seduta su una panchina, a godere la brezza del vento che mi accarezzava il viso. In lontananza, ma mai assordanti, i rumori del traffico cittadino. Mi cullavano come un carillon.

Oh si, eccome… la notte ti porta dove vuoi. Basta chiudere gli occhi e immaginarti in ogni dove.
Ieri notte io sono stata a New York…

Perdersi

Tristezza

Quando mi sento vuota e priva di stimoli non mi piaccio
Quando sto male covo il senso di un’impotente oppressione
Quando mi perdo vago

Un mattone nel petto sta per esplodere
Un pianto al suo nascere sta per morire
Quando l’incomprensione ti ferisce

Guardo il gomitolo di pensieri che attanagliano il mio essere
Non mi va di parlare
Non mi va di sentire e provare ad ascoltare. Non mi va niente.

Insicurezza
Incomprensione

Desiderio di amore
Desiderio di accettazione
Taci
Almeno ora, taci

è quando…

quando...

è quando non hai voglia di parlare

è quando cammini a caso senza una ragione precisa

è quando non ti va più di ragionare

è quando cerchi il senso delle cose e il senso non c’è

è quando hai il cervello intasato di pensieri

è quando pensi di sapere tutto e invece scopri di sapere che un po’ più di niente

è quando vorresti scappare e invece resti sempre dove sei

è quando sei arrabbiata con il mondo e te la rifai sempre con te stessa

è quando pensi al perchè delle cose

è quando riesci a toccare l’incomprensione con mano e scopri che non ti piace

è quando fai le cose a caso

è quando tutto sembra perso, involontario, voluttuoso e incosistente

è quando forse è meglio così

Carrello